Pubblicato in: Giornalismo

Ciao Enzo, scusa se siamo un po’ commossi…


Caro Enzo, ci mancherai. Siamo davvero commossi. Ora tutti – anche coloro che ti avevano apertamente (o meno) combattuto – ma proprio tutti, si sono accorti della tua R-Esistenza.

Troppo tardi. Solo chi continuava a leggerti e a gustare le tue trasmissioni ha potuto viverti e acquisire insegnamenti da alta scuola di giornalismo. Paolo Mieli ieri ha detto che il “giornalismo deve essere scomodo, alle volte”. E tutti, ma proprio tutti (De Bortoli, Mieli, Fede), sono concordi (ora) con la tua idea (la vera) di giornalismo.

Esattamente come successe per Indro Montanelli.

Ma come avevi già avuto modo di notare, siamo tutti a scoppio ritardato. Solo che – a differenza di prima – non c’è più nessuno a farcelo notare.

Ciao Enzo, scusa se siamo un po’ commossi… 

Sveva

Autore:

SVEVA è arrivata anche qui... c'era da immaginarselo. Intanto, la frase che meglio la descrive è: "Quando faccio la brava sono molto brava, quando faccio la cattiva sono meglio". (Mae West)