Pubblicato in: Casa delle Libertà, Centrosinistra, Cultura, Destra, Giornalismo, Media, pane&Amore, Politica, Sinistra, Uno

“Prima vennero a prendere gli zingari…”


Questa composizione è attribuita a Bertolt Brecht, ma pare non fosse né una poesia, né tanto meno un suo componimento. Tant’è, in questo momento è il testo più intelligente che Svevanet possa riportare.

Quale che sia la fonte…

Prima vennero a prendere gli zingari…

“Prima di tutto vennero a prendere gli zingari e fui contento, perché rubacchiavano. Poi vennero a prendere gli ebrei e stetti zitto, perché mi stavano antipatici. Poi vennero a prendere gli omosessuali, e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi. Poi vennero a prendere i comunisti, ed io non dissi niente, perché non ero comunista. Un giorno vennero a prendere me, e non c’era rimasto nessuno a protestare”. (Bertolt Brecht?)

make a bad fellas and gals!

Pubblicato in: Astronautica, Astronomia, Cultura, Giornalismo, UFOlogia, Uno

Amsat-Oscar 40, compagno delle ultime sere


Il Satellite Radioamatoriale Amsat-Oscar 40
Credits ARI - Modena

Eccolo. E’ proprio lui. Bello, eh? Dopo una serie di ricerche, scaricamento di programmi per il tracciamento dei satelliti (brillanti, geostazionari, Navy, radioamatoriali, ISS…), avvistamenti visivi con/senza binocolo, ho capito cosa si presentava in queste ultime tre sere.

Non un UFO, quindi. Ma subito un IFO. L’oggetto è stato identificato e altro non poteva essere che un satellite, dato il comportamento.

Ciò che ha attratto la mia curiosità è stata la luminosità e la grandezza apparente. Si presentava a S/E rispetto al mio punto di osservazione (Milano N/O, terzo piano, vista sgombra), poco alto sopra i tetti (apparentemente).

Grazie a Gnome Predict, programma di tracciamento satellitare e Stellarium, un bel programma per le osservazioni stellari e planetarie, le iniziali domande hanno trovato risposta. Le informazioni sul satellite in questione le ho prese, invece, dal sito dell’Associazione Radioamatori Italiani, sezione di Modena (qui il sito).

E’ proprio vero: l’estate porta a un’osservazione più puntuale della volta celeste che è davvero bella (quando in città si riesce a vedere qualcosa è un miracolo, dato l’inquinamento). Ma…ragazzi…dovreste provare un programma di tracciamento dei satelliti per vedere la quantità degli oggetti che – a prima vista, da un’osservatrice comune – potrebbero essere scambiati per “UFO” (nel senso comune di “omini verdi”). Anyway, se siete incuriositi, eccovi alcuni linkper approfondire qualche punto:

CISU (Centro Italiano Studi Ufologici)

Associazione Radioamatori Italiani/Modena

Gpredict

Heavens Above (Passaggi ISS)

make a bad gals and fellas!

sV3vA____________