Pubblicato in: amicizia, Cristianesimo, Cultura, domenica, Donne, esteri, Expo 2015, facebook, Fotografia, Giornalismo, giornalismo, Islam, Libertà di espressione, Media, Milano, Musica, Onestà, Religione, satira politica, Sindacati, Sindacato, Sinistra, Sveva Stallone, Turismo, viaggi, Viaggi

Expo 2015. Un’altra infornata di foto


image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

Sv. S.

sV3va – make always a bad gals and fellas!

Pubblicato in: Cultura, Donne, esteri, Expo 2015, Giornalismo, Libertà di espressione, Media, Milano, Politica, Religione

“… to boldly go where no one has gone before!”


E vorrei lasciare solo questa dottissima citazione (da Stallone alle Stelle, per dire… ) e dar spazio (è il caso di dirlo) alle immagini.

Perché forse non ci crederete ma sì, c’è ANCHE la “Repubblica Democratica Popolare di Corea” a Expo (che è un modo elegante per dire che è presente  anche la Corea del Nord. Quella di Kim Jong-un).

DSCF2933
Sveva, la fotografa

Godetevi le foto (prendetele pure se vi servono)

DSCF2945
L’installazione di Dante Ferretti: un modo diverso per dire “siamo ciò che mangiamo”

Sopra: Nepal (ci son tornata, tutto a posto), l’installazione di Ferretti e le mele e i frutti spariti nel tempo. Quelli più rari.

E dopo un po’ di Biodiversità, la Corea del Nord (Aka: Repubblica Democratica Popolare di Corea). Cortesi, non felici.

Sv. S.

Pubblicato in: Arbitri, calcio, Correttezza, Cultura, domenica, Donne, Fotografia, Giornalismo, giornalismo, I re dello sport, Libertà di espressione, Media, Milano, Onestà, Paganin, Resistenza, sport, status, Sveva Stallone, Veneto

Corsi di giornalismo, si impara (sempre) qualcosa…


wpid-wp-1435318042080.jpeg
La sala Montanelli al Circolo della Stampa di Milano

Ieri ho partecipato all’ennesimo corso dedicato all’aggiornamento della professione. Forse tra i più interessanti, perché parlava di giornalismo sportivo, le varie tecniche giornalistiche tra giornali, radio e TV, passate per 165 anni di informazione.

wpid-wp-1435342024515.jpeg
Prima pagina e scalinata storica

Mentre prendevo gli appunti mi accorgevo di diverse cose. Le elencherò:

1) forse erano tutti mostri sacri della suddetta professione, perché a parte la sottoscritta e altre due giovani donne, nessuno prendeva appunti. Ma devo essere impedita perché io li prendo per tutto…

2) un eminente collega tra i relatori (la Littizzetto direbbe Eminems! Sottolineando l’importanza del personaggio) ha informato noi tutti che “fare il giornalista non significa lavorare, non è un lavoro. È una passione che può trasformarsi in lavoro. Infatti, io modestamente ci vivo”. Ok, ora capisco perché si fa i Robin Hood quando ci sono “terga di giovani e meno giovani” a disposizione. (Ah, che vuol dire “modestamente”? Prende anche lei 2,50€ a pezzo?)

3) ha chiuso gli interventi l’ex arbitro veneto Paganin. Ci ha tenuti col fiato sospeso fino alle 13.20. Il suo non è stato un semplice intervento, ma una vera e propria lectio magistralis sullo sport, gli arbitraggi e il giornalismo sportivo. Un mega plauso anche sul troppo breve intervento di Sabrina Gandolfi. L’unica a parlare del ricco lavoro di cucina (evviva! c’è chi usa ancora questo termine!) che fanno i colleghi che ti permettono di andare in onda o uscire col pezzo. Un lavoro mai riconosciuto pienamente, ma ci voleva una donna per dirlo.

4) pezzo di conversazione tra colleghi: “quelli presenti in sala son certo tutti di qualche redazione, sennò che ci starebbero a fare?” “sì lavoreranno tutti. Mica partecipano quelli che non lavorano”.

Ecco, appunto…

Sv.S.

sV3va – make always a bad gals and fellas!