Pubblicato in: AICE, blog, caffè, Correttezza, Cultura, EPILEPSY FOUNDATION, epilessia, Epilessia, facebook, giornalismo, Giornata Mondiale contro le Epilessie, LICE, Loiano, Milano, Onestà, povertà, Purple Day, scienza, sito svevanet, Stupidità, Sveva Stallone, Valle d'Aosta, World Epilepsy Day

Curare l’epilessia in Emilia-Romagna: “anni di ca@@te tipo isola felice”…


Da tre giorni sto cercando di fissare una visita di controllo per cambiare la terapia degli antiepilettici.

Per le cure a lungo termine, infatti, occorre cambiare terapia ogni due o tre anni: questo perché il corpo non si abitui, gli altri organi non ne abbiano a soffrire eccessivamente e dato che ci sono nuovi antiepilettici più leggeri, meglio passare a questi.

INIZIANO LE CHIAMATE SU MARTE

Dopo la prima visita al Bellaria, con l’epilettologo di turno e a seguito degli esami richiesti ho cercato – come consigliato – di mettermi di nuovo in contatto con il Centro delle Epilessie del Bellaria. Come chiamare su Marte: anzi, no. Su Marte avrei avuto un leggero ritardo, ma la base mi avrebbe risposto di sicuro.

Risultato: mi trovo con una terapia già scalata, senza quella in subentro, con la medicina che scalo che – nonostante sia ormai al limite – fa più danni che altro.

L’ESENZIONE PER PATOLOGIA

L’esenzione per patologia mi ha sempre assicurato le cure migliori, in Lombardia e in Valle d’Aosta (dove ho vissuto in precedenza). Come tutti i portatori di patologie ho, infatti, diritto agli esami e alle visite, così come ai medicinali, senza dover pagare (morirò con l’epilessia, sapete cosa vuol dire continue visite, esami, medicine per tutta la vita?).

Ho però scoperto che in Emilia – Romagna, dove abitiamo da un paio di anni, se proprio desidero essere visitata nuovamente posso farlo al modico prezzo di 170€ (come seconda visita dallo stesso epilettologo di cui sopra). Sarà per quello che al Bellaria non risponde più nessuno?

Thanks to: Isola Posse All Stars per il testo “Stop War!” (Album Stop al panico! 1991), da cui ho preso una strofa:

https://youtu.be/zlMFhW9v21w

Sveva Stallone, giornalista (ampiamente ignorata) con epilessia

Autore:

SVEVA è arrivata anche qui... c'era da immaginarselo. Intanto, la frase che meglio la descrive è: "Quando faccio la brava sono molto brava, quando faccio la cattiva sono meglio". (Mae West)