Pubblicato in: Aggiornamenti, Albino Carbognani, amicizia, Astronomia, caffè, Covid-19, facebook, Giornalismo, Loiano, Madrid, Madrid, Milano, pane&Amore, scie chimiche, sito svevanet, spostamenti, Sveva Stallone, Tres Cantos, upgrade, viaggi, Viaggi, Vivere

Loiano – Madrid passando per il Marconi Express e l’aeroporto Guglielmo Marconi


Ed è subito premessa: il Marconi Express lo prendi se vuoi passare per una giornata martirizzante (siamo sotto Pasqua, magari c’è gente che vuole… ). Dall’aeroporto Marconi devi passarci per forza se abiti in queste lande e vuoi arrivare in qualsiasi tratta servita da qui. Btw, appena arrivati a Tres Cantos (vicina a Madrid) domenica sera, già stupivo la mia altra metà del cielo parlando quel poco che sapevo di spagnolo. Che bello quando lui ti guarda e ti dice “ecco perché ti ho sposata, tra le altre cose!”.

Stanchi del viaggio, – ma contenti dell’arrivo e dei successivi giorni rimanenti – pure se per mio marito sarebbero stati di convegno, passiamo la prima sera a mangiare costolette con una meravigliosa salsa barbecue (con cana media e patatine).

Tres Cantos è una sorta di Milano 2, più carina, con plessi tecnologici, un bel parco, tanti bar, ristoranti, posti dove poter mangiare e un bel Centro commerciale con molte tiendas, (dove ho preso uno dei tanti cafè con lèche fria).

Ci sono ancora molte cose da dire su Tres Cantos e siccome c’è stata una mezza giornata anche a Madrid, dovrò fare un secondo post all’uopo. Parlerò di due cose, in sostanza: il caffè – per me un elemento fondamentale dell’alimentazione, che per quattro giorni ho dovuto ridurre e una bellissima visita a un museo, ma non voglio anticipare troppo. Le foto ci sono e la voglia di raccontare anche.

Tra qualche giorno ci risentiamo, per ora godetevi questo piccolo post.

buona serata, viaggiatori! Sv. S.

Pubblicato in: Cultura, Fantascienza, Giornalismo, IN RIGA EDIZIONI, in riga edizioni, Loiano, Media, Milano, racconti, sito svevanet, Sveva Stallone, upgrade, Viaggi

TORNA LA FANTASCIENZA ITALIANA: IN RIGA EDIZIONI PUBBLICA IL VOLUME “VIAGGI INTERSTELLARI”


La copertina del primo volume della collana di fantascienza Space & Science Fiction di in riga edizioni

Il volume è già disponibile sul sito in riga, ma anche su Amazon in formato kindle e copertina flessibile: un buon range di prezzi per tutte le tasche per gli appassionati della SF di racconti inediti scritti in Italia.

Bologna – La casa editrice in riga edizioni è lieta di annunciare l’uscita della raccolta di racconti di fantascienza “Viaggi Interstellari”.

Viaggi Interstellari è il titolo della prima raccolta della collana Space & Science Fiction, curata dalla giornalista e appassionata di fantascienza Sveva Stallone. Il volume si apre con un originale inedito di Gabriella Scialdone, prima tra le grandi firme della fantascienza italiana ad aver aderito all’iniziativa della casa editrice in riga edizioni.

Ci aspettiamo un vero successo – ha dichiarato Matteo Lanfranchi, editore – perché si tratta di un territorio che la nostra casa editrice non ha ancora esplorato, ma per il quale percepiamo notevole interesse tra il pubblico. Desideriamo anche riportare la fantascienza in Italia, perché pensiamo che questo genere parli ancora troppo spesso in inglese, mentre abbiamo ottimi scrittori e tutta l’intenzione di farli conoscere a un vasto pubblico”. Conclude Lanfranchi: “Ci aiuta in questo anche la filmografia che – se vogliamo – stimola maggiormente la curiosità tra il pubblico più giovane e che, di riflesso, spinge a cercare letture”.

in riga edizioni è una casa editrice che risiede a Bologna e ha all’attivo molte opere che vanno dall’architettura allo spazio, passando per i Web Studies, psicologia, matematica, ingegneria, latino, ma anche libri di didattica e dizionari vari. Un bel sito web, completo di chat di aiuto, carrello, shop e l’immancabile print-on-demand permettono al lettore di navigare e scegliere tra i testi a lui più congeniali.

in riga edizioni, via Sant’Isaia 6 – 40123 Bologna.

Sono fuori dal tunnel (della ricerca della nuova terapia)


Bene, finalmente è arrivato il momento del fatidico annuncio. Era tanto che volevo dirvelo: praticamente tra trasloco in Emilia – Romagna, arrivo del Covid-19, ricerca di un nuovo medico, ricerca di una struttura per la cura delle Epilessie… Ci ho messo tre anni.

QUINDI? NO CITTÀ, NO CURE?

Certo, non sono andata a vivere in una grande città, certo… Mi è toccato un paesino di montagna, ma non pensavo che questo volesse dire essere praticamente ignorata dal sistema sanitario regionale.

Lo stesso sistema che qui viene tanto decantato, quello che la prima volta che incontri uno specialista, la prima domanda che ti senti fare è “Ma lei ha pagato? Non vedo la sua fattura” (mi spiace signor medico, io “fotografo” le parole).

È LA LOMBARDIA IL VERO FARO DELLA SANITÀ ITALIANA

In Lombardia, la prima volta che incontravi uno specialista, questo ti chiedeva come stavi e come mai eri capitata in quella struttura. La Lombardia è il vero faro della sanità italiana, non l’Emilia – Romagna. Qui molte persone – politici in primis – si riempiono la bocca di belle parole, ma ai fatti quando sei sul territorio e quel territorio non sono le città, la musica è completamente diversa.

Vediamo solo come ogni volta in questo piccolo paese devo procurarmi la terapia: una storia con un finale diverso, cada veces. E mi tremano i polsi ora che dovrò comunicare loro l’inserimento di una nuova medicina.

Domani inizierò a prendere la medicina, che farà parte della nuova terapia, sperando naturalmente che vada tutto per il meglio. Per i prossimi due anni.

Sveva Stallone,

giornalista con epilessia