Pubblicato in: Aggiornamenti, Albino Carbognani, amicizia, Astronomia, caffè, Covid-19, facebook, Giornalismo, Loiano, Madrid, Madrid, Milano, pane&Amore, scie chimiche, sito svevanet, spostamenti, Sveva Stallone, Tres Cantos, upgrade, viaggi, Viaggi, Vivere

Loiano – Madrid passando per il Marconi Express e l’aeroporto Guglielmo Marconi


Ed è subito premessa: il Marconi Express lo prendi se vuoi passare per una giornata martirizzante (siamo sotto Pasqua, magari c’è gente che vuole… ). Dall’aeroporto Marconi devi passarci per forza se abiti in queste lande e vuoi arrivare in qualsiasi tratta servita da qui. Btw, appena arrivati a Tres Cantos (vicina a Madrid) domenica sera, già stupivo la mia altra metà del cielo parlando quel poco che sapevo di spagnolo. Che bello quando lui ti guarda e ti dice “ecco perché ti ho sposata, tra le altre cose!”.

Stanchi del viaggio, – ma contenti dell’arrivo e dei successivi giorni rimanenti – pure se per mio marito sarebbero stati di convegno, passiamo la prima sera a mangiare costolette con una meravigliosa salsa barbecue (con cana media e patatine).

Tres Cantos è una sorta di Milano 2, più carina, con plessi tecnologici, un bel parco, tanti bar, ristoranti, posti dove poter mangiare e un bel Centro commerciale con molte tiendas, (dove ho preso uno dei tanti cafè con lèche fria).

Ci sono ancora molte cose da dire su Tres Cantos e siccome c’è stata una mezza giornata anche a Madrid, dovrò fare un secondo post all’uopo. Parlerò di due cose, in sostanza: il caffè – per me un elemento fondamentale dell’alimentazione, che per quattro giorni ho dovuto ridurre e una bellissima visita a un museo, ma non voglio anticipare troppo. Le foto ci sono e la voglia di raccontare anche.

Tra qualche giorno ci risentiamo, per ora godetevi questo piccolo post.

buona serata, viaggiatori! Sv. S.

26 marzo: è stato il PurpleDay in tutto il mondo


Abbiamo scelto un bel colore per descrivere come ci si sente in quei momenti, dove tutto non è sotto il nostro controllo. Il PurpleDay ricorre ogni 26 marzo in tutto il mondo e ogni anno si prefigge di informare sempre più persone su queste patologie.

Le forme riconosciute delle epilessie sono quasi 40, affliggono dall’età infantile a quella adulta e vi sono forme di epilessia che sono farmaco resistenti e si portano avanti tutta la vita.

La persona adulta afflitta da una o più forme di epilessia riesce, quando sotto il controllo farmacologico, a condurre una vita pressoché normale mentre si sente invece più invalidata per l’ignoranza che circonda queste patologie e la paura — che ha la maggior parte della gente — di vedere qualcuno che perde letteralmente il controllo di qualche parte o del tutto di sé.

Il consiglio, da persona affetta da epilessie, è di informarsi sempre. Qui i due link preferiti per una maggiore comprensione del fenomeno: perdere qualche minuto di lettura vi aiuterà a comprendere una patologia della quale aver timore è assurdo nel 2022.

Aice

FondazioneLice

Pubblicato in: AICE, blog, Donne, EPILEPSY FOUNDATION, epilessia, Epilessia, facebook, Giornalismo, Purple Day, sito svevanet, Sveva Stallone, upgrade

Non solo San Valentino, protettore degli epilettici


- IL C O R R I E R E della S V E V A -- Un altro punto di vista

Valentino, santo 2

Ragassuoli habemus un protettore anche  noi epilettici e l’ho scoperto da poco grazie alla mia amica Cristina. Si tratta di San Valentino di Terni, proprio il vescovo legato alla festa degli innamorati.

Ho cercato quindi il legame tra il protettore e gli epilettici, che pare si debba a una leggenda di origine medievale tedesca: Valentin si legge Falentin con la F da qui sarebbe stato  trasformato in “FALLEN” ossia “CADERE”.

Sul sito di Vvox.it scopriamo poi che: “In passato ebbe origine una festa che si teneva il 14 febbraio dove veniva impartita al Santuario delle “Sette Chiese” di Monselice (Padova) la “benedizione di San Valentino” che avrebbe dovuto proteggere i bambini dalla sindrome del “mal caduto” *(epilessia, nota anche come “male di San Valentino”).”

(*Mal  caduto più spesso lo troviamo scritto come mal caduco).

In una pagina di Wikipedia, però, in quanto a protettori degli epilettici ho trovato un…

View original post 129 altre parole