Il Corriere della Sveva cambia pelle e diventa un sito a tutti gli effetti


Editoriale

Il visitatore che è abituato a leggere quattro righe passando di qui – che si parli di Spazio, epilessie, vaccini, politica o Gnappo Gnappo Sub, l’amico nuvoloso di Cris – ogni tanto sa che si troverà dinnanzi a un immancabile cambiamento.

Solitamente avviene dopo due anni: a volte è l’interfaccia, sono i font, i colori… alcune volte trovate funzioni che prima non c’erano. Stavolta invece, la Befana mi ha portato un upgrade professionale, consigliandomi qualche piccolo cambiamento, ma facendo passare il nostro caro weblog per un sito.

Da adesso in avanti troverete svevanet puntando direttamente all’indirizzo https://www.svevanet.com e non più https://svevanet.wordpress.com. Un bel passo avanti, non c’è che dire. Speriamo che la qualità non venga meno ora che abbiamo dato fuoco alle polveri e chiesto alla befana di portarci la paghetta per fare questo miglioramento.

Si parte per una nuova avventura, con un altro punto di vista

sV3vA

Pubblicato in: Albino Carbognani, amicizia, Astronomia, blog, caffè, Correttezza, Covid-19, Donne, Epilessia, facebook, Giornalismo, Giornata Mondiale contro le Epilessie, Loiano, Matrimonio, Metal, Musica, Onestà, pagare le spese, pane&Amore, Purple Day, Sveva Stallone, Uno, Viaggi, Vivere

Good news? Giudicate voi


Desidero iniziare con una buona notizia: il 27 di questo mese finalmente sarà il mio turno per la prima dose del vaccino. Ho avuto delle belle occasioni le settimane scorse, che mi hanno fatto ben sognare e sperare professionalmente: ma sono personcina facilmente influenzabile e mi basta un cenno per farmi un intero film con l’happy handing.

Nel mentre sto aiutando mio marito in un lavoro (suo), che mi fa sentire quel tantinello utile a un pezzetto di mondo. Sul fronte della salute non vedo l’ora di poter di nuovo fare un viaggio in Lombardia per i controlli che salto da un paio di anni: tra EEG e dosaggi devo rimettermi in pari e sarà meglio uscire da questa situazia “prima di ieri”, come si suol dire.

Dirvi come mi sento non saprei: per mia fortuna non sono incline alla depressione, altrimenti sarei nel buio più totale tra un lavoro che inseguo e un’immobilità professionale che diventa pesante ogni anno di più.

Diversi pensieri felici, però, occupano l’altra parte del mio emisfero cerebrale. Il primo è mio marito, gli altri sono divisi tra famiglia, amici, radiofonia, musica, libri, giornalismo (no, questo è più un pensiero fisso ormai)…

Due cose: vogliatevi bene. E fatevi vaccinare!

Sveva

Credits immagine: Sanitario foto creata da freepik – it.freepik.com

Pubblicato in: AICE, amicizia, Astronauti, blog, Correttezza, Donne, EPILEPSY FOUNDATION, epilessia, Epilessia, facebook, Giornalismo, Giornata Mondiale contro le Epilessie, Inps, LICE, Purple Day, Sveva Stallone, Uno, World Epilepsy Day

Crisi, maledizione!


È passato qualche tempo e mi spiace dover scrivere delle crisi, ma le ho avute e devo poterlo comunicare. In questa settimana mi sono capitate in diverse occasioni, tra una video conferenza, un lavoretto come beta tester e (cosa ancora peggiore) mentre preparavo le pizze con mio marito.

Ora è lunedì e pare che la tempesta di crisi si sia fermata: perlomeno oggi non ne ho avute e dato che andiamo verso il 26 marzo, il Purple Day è alle porte, spero che il mio cervello ne tenga conto.

Potete fare qualcosa per il 26 marzo: vestirvi con qualcosa di purple, fare dolcetti purple, divulgare le problematiche delle epilessie ai vostri amici, alle famiglie, sui social, nelle scuole e in qualsiasi altro luogo vi venga in mente. Lo hanno fatto anche nello spazio per il Purple Day del 2019, quindi davvero si può parlarne in ogni luogo.

Ricordatevi che l’epilessia è un problema che viene vissuto male dalle persone che ne sono affette a seconda di come la società li vive e li percepisce. Io da piccola ero costantemente un problema “per gli altri”, soprattutto adulti che non volevano che frequentassi loro figli, ma per fortuna ero aiutata dalla mia famiglia e non mi facevo troppi problemi.

Ho avuto più difficoltà da adulta, passate quando ho iniziato a scegliere amici più intelligenti e comprensivi. Sono affetta da un paio di forme di epilessie e sono farmaco resistente: vorrei tanto far capire all’INPS (che alla fine mi ha negato la pensione), che anche la loro incompetenza non si vede, ma si percepisce tranquillamente. È più facile dare la pensione a un finto cieco con la patente che a un vero epilettico che ha la disabilità civile al 100% e ha serie difficoltà in molte fasi della vita.

Quindi tutto sto pippone per dirvi che: ricordatevi che il 26 marzo è il Purple Day in tutto il mondo, ricordatevi che se conoscete qualcuno che soffre di qualche forma di epilessia dovete magari avere piccole attenzioni in più (luci, stanchezza, terapia, controlli).

Comunque e soprattutto, lovvatevi.

Sveva Stallone

Giornalista con epilessia